Rilievo Laser Scanner e Fotogrammetrico della Sfera Celeste, Wilson Woodrow Memorial. Palazzo delle Nazioni Unite, Ginevra.

Nella sede dell’ONU a Ginevra sono contenute moltissime opere d’arte donate dai paesi membri delle Nazioni Unite, oltre che da sponsor, privati o artisti. La Sfera Celeste situata nel parco antistante la sede è la più nota di questi.
L’enorme sfera (più di quattro metri di diametro) è opera dello scultore americano Paul Manship (1885-1966). Fu donata nel 1939 dalla Fondazione Wilson Woodrow. Realizzata come memoriale dedicato al Presidente degli Stati Uniti d’America Wilson Woodrow (28 dicembre 1856 – 3 febbraio 1924), è oggi un simbolo di Ginevra e dell’ONU.

Sfera Celeste – Wilson Woodrow Memorial
Palazzo delle Nazioni Unite, Ginevra

 

Nel Giugno 2020 ci è stato affidato l’incarico da Fonderia Marinelli di effettuare un rilievo della sfera.
Il rilievo da noi effettuato aveva il fine di documentare e digitalizzare lo stato attuale dell’opera, in vista di un imminente restauro. Il risultato del rilievo ha quindi un duplice utilizzo. Da una parte la digitalizzazione del bene permette di conservare per sempre una copia 3D digitale, mentre dall’altra permette di poter studiare il manufatto e consente di gestire le successive operazioni di restauro in maniera molto più precisa e puntuale.

Sfera Celeste - Wilson Woodrow Memorial Palazzo delle Nazioni Unite, Ginevra

Rilievo Laser Scanner della Sfera Celeste
Giugno 2020

 

Attraverso le riprese tramite il Laser Scanner Faro Focus S350 è stato possibile in prima istanza realizzare una copia digitale a nuvola di punti, in scala 1:1. Sono state realizzate circa 60 stazioni per poter acquisire ogni dettaglio e per evitare zone d’ombra e sottosquadri.
Successivamente sono state acquisite anche delle fotografie da terra e da drone. Queste immagini sono state successivamente elaborate e utilizzate per realizzare un modello fotogrammetrico, scalato direttamente sul modello a nuvola di punti del Laser Scanner.

Rendering della nuvola di punti
acquisita tramite Faro Focus S 350

 

Il modello 3D a nuvola di punti ricavato da Laser Scanner è stato usato per realizzare una mesh 3D. Ciò ha permesso di avere un dato geometrico molto più accurato di quello proveniente da fotogrammetria. Di conseguenza, sulla base geometrica 3D ricavata dallo scanner, sono state proiettate le texture provenienti invece dal modello fotogrammetrico. Il risultato ottenuto è quindi un modello tridimensionale con una elevata accuratezza geometrica (considerando lo strumento usato per l’acquisizione) ed una elevata definizione cromatica (in quanto ricavata direttamente dagli scatti fotografici da terra e da drone).

Modello Mesh 3D ricavato da nuvola di punti
(Laser Scanner Faro Focus S350)

 

Modello Mesh 3D texturizzato

Oltre alla restituzione grafica del dato acquisito in 3D sono inoltre stati prodotti una serie di disegni e tavole di studio in 2D, vettorializzando in formato Cad ogni elemento statuario presente sull’opera.
Questi disegni, oltre che i modelli 3D, sono stati usati successivamente dagli addetti ai lavori per procedere al progetto di restauro dell’opera, che nei prossimi mesi tornerà ad un nuovo splendore.

Rendering video della Nuvola di Punti e della Mesh 3D
ricavate dal rilievo

 

Data l’elevata qualità della mesh 3D ottenuta abbiamo quindi anche fatto una prova di stampa 3d dell’opera. In collaborazione con Promo Design, abbiamo realizzato in scala 1:15 una copia fisica della Sfera, utilizzando come stampante 3D un sinterizzatore laser a polvere di Nylon (EOS P390).

Modello stampa 3D realizzato tramite sinterizzatore laser a polvere di Nylon
(in collaborazione con PromoDesign di Calenzano)